IL DOLCE DELL’INVERNO MARCHIGIANO: I CAVALLUCCI

IL DOLCE DELL’INVERNO MARCHIGIANO: I CAVALLUCCI

La Nostra Il viaggio enogastronomico delle Marche ci sorprende sempre perché ogni area, spesso ogni città, ha i suoi sapori e le sue ricette tradizionali. Oggi vi parliamo dei Cavallucci, chiamati così perché con la loro forma ricordano proprio il dorso e le zampe di un cavallo. Sono dolci tipici del periodo invernale, in passato le “vergare” iniziavano a prepararli a San Martino, ossia quando si poteva trovare il vino nuovo, e la produzione continuava poi per tutta la stagione fredda. Si tratta di un dolce molto sostanzioso perché racchiude al suo interno un mondo di sapori: sapa (o mosto cotto), fichi secchi, canditi, uvetta, cioccolato, noci, mandorle, arancia grattugiata, caffè e mollica di pane. Quel che si dice un vero e proprio concentrato di energia. Volete cimentarvi nella preparazione dei cavallucci? Ecco la ricetta!

Tempo: 1 ore
Difficoltà: Media
polvere_cacao_verde2

Ingredienti per 5 persone:

  • Per il ripieno:
  • Mosto cotto o sapa gr. 300
  • Noci sgusciate gr. 100
  • Mandorle sgusciate gr. 100
  • Nocciole sgusciate gr. 100
  • Uvetta sultanina o canditi o fichi secchi gr. 50
  • Liquore a piacere: mistrà, marsala o vermuth per uvetta
  • Cacao in polvere 50 gr
  • La buccia grattugiata di un’arancia o di un limone
  • 3 tazzine di caffè
  • Zucchero gr. 150
  • Molliche di pane gr. 50
  • Per la sfoglia:
  • Farina 1 kg
  • Zucchero gr. 200
  • Olio di semi 2 bicchieri
  • Vanillina 1 bustina
  • Lievito per dolci 1/2 bustina
  • Vino bianco q.b. riscaldato con lo zucchero
  • Per decorare:
  • zucchero a velo q.b.
  • zucchero semolato q.b.
  • Alchermes q.b.

Preparazione:

Mettiamo in ammollo l’uvetta con il liquore che preferite: mistrà, marsala o vermuth (si possono anche utilizzate i fichi secchi o i canditi). Dopo di che tritiamo le noci, le mandorle e le nocciole, li uniamo allo zucchero, alla scorsa di arancia o di limone, al cioccolato, al caffè precedentemente preparato, alle molliche di pane e alla sapa. Mescoliamo il tutto in una terrina e lasciamo riposare in frigo. Vi consigliamo di preparare l’impasto la sera prima, così gli ingredienti si amalgameranno ancora meglio. Prepariamo una fontana con la farina, il lievito e la vanillina, poi uniamo gli altri liquidi: olio di semi e il vino precedentemente riscaldato con lo zucchero. Ricordatevi di far raffreddare il vino prima di unirlo agli altri ingredienti. Lavoriamo l’impasto per dieci minuti, dopo di che lo stendiamo e prepariamo dei rettangoli di qualche millimetro di altezza. Porzioniamo l’impasto per la farcitura e lo inseriamo sopra ad ogni rettangolo. Chiudiamo bene i rettangoli dandogli la forma di un cavalluccio, chiudiamo i bordi con una forchetta. Realizziamo dei tagli con le forbici sopra i cavallucci, prima di infornare.
Prendiamo una teglia ed inforniamo a 180° per 20/25 minuti. Non appena sfornati spolveriamo con zucchero a velo o con alchermes e zucchero semolato.

Buon appetito!

Il nostro consiglio:

I cavallucci hanno il sapore delle feste, noi vi consigliamo di prepararli in famiglia e di offrirli in occasione del Natale. Sono buonissimi da soli e deliziosi da inzuppare nel vino cotto.

Posts Simili

Frappe, sfrappe e dintorni!

Frappe, sfrappe e dintorni!

Torta soffice all’ anice e ricotta

Torta soffice all’ anice e ricotta

Il profumo delle Marche…

Il profumo delle Marche…

Arancini di Carnevale….e storie di fritti della tradizione!

Arancini di Carnevale….e storie di fritti della tradizione!