La dolcezza vola sulle ali di una Colomba!

La dolcezza vola sulle ali di una Colomba!

Con l’affacciarsi della Pasqua siamo tutti alla ricerca della Colomba perfetta da portare sulle nostre tavole e da gustare con amici e parenti. Da vera golosona non posso esimermi dallo scovare le migliori e quest’anno, grazie a Roberto Cantolacqua della Pasticceria Mimosa, posso dire di aver fatto centro!

La leggenda racconta che questo dolce fu offerto al re dei Longobardi, Alboino, che stava assediando Pavia, per indurlo alla pace proprio alla vigilia del giorno di Pasqua. E così fu, tanto che la città fu salvata dal saccheggio.
Per noi oggi la colomba chiude tradizionalmente il pranzo del giorno di Pasqua, quando ci si siede tutti insieme intorno ad una ricca tavola imbandita, mangiando tante cose buone senza preoccuparsi troppo delle calorie (dopotutto se non ci concediamo qualche stravizio nei giorni di festa quando lo facciamo?!), per il piacere di stare insieme alle persone che amiamo!

E non c’è niente di meglio di un bel dolce tradizionale per chiudere i festeggiamenti. Personalmente il momento del dessert è il mio preferito, è stato così fin da bambina quando, a Pasqua, arrivava il momento di scartare le colombe. La mia preferita era allora come oggi quella al cioccolato e posso dire che le mie papille gustative hanno fatto la ola quando ho assaggiato per la prima volta la Colomba al Cioccolato della Pasticceria Mimosa di Tolentino. In pratica, per descriverla nel modo giusto, si tratta di cioccolato, tanto cioccolato circondato da un po’ di squisita e soffice colomba ricoperta da una meravigliosa glassa di zucchero e nocciole intere…insomma un vero delirio! Oltre al cioccolato e ad altri pregiatissimi ingredienti la vera particolarità sta nella lievitazione, tutta ad opera di “Dino”, il lievito madre usato da Roberto Cantolacqua per i suoi dolci, affettuosamente chiamato così in onore di suo nonno.

Ovviamente quest’anno non mi lascerò scappare anche un assaggio di Colomba Classica, il profumo di questo dolce riempie le narici appena si apre il sacchetto e al taglio rivela una ricchezza di canditi da farti commuovere dalla gioia. Per finire sicuramente mi terrò uno piccolo spazio anche per la Colomba Fruttolosa, troppo buona per essere vera, con  tanti pezzi di buonissimi canditi di pesca, albicocca, zenzero, arancia e limone realizzati in modo rigorosamente artigianale!

Se i propositi valgono anche a Pasqua, allora questi sono i miei….per la dieta poi (magari con qualche consiglio della nostra Salutista) c’è sempre tempo!!

Posts Simili

Mais e polenta: dalla tradizione contadina alle nostre tavole

Mais e polenta: dalla tradizione contadina alle nostre tavole

Il profumo del Tartufo…

Il profumo del Tartufo…

Una merenda speciale passeggiando sui Sibillini

Una merenda speciale passeggiando sui Sibillini

Salone del Gusto: i 5 insegnamenti da portare a casa

Salone del Gusto: i 5 insegnamenti da portare a casa